Borghi ed emozioni dell’Italia Centrale – Gabriele Rosso

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di invitarvi ad una nuova presentazione di fotografie di viaggio a cura di Gabriele Rosso.
Un viaggio attraverso gli scatti realizzati durante un viaggio itinerante attraverso i borghi e i paesaggi dell’Italia centrale.
Un racconto che inizia a Bologna e si snoda poi tra le bellezze della Toscana e dell’Umbria. Un viaggio di oltre 1500 km tra un borgo e l’altro esplorando gli scorci e i paesaggi di una piccola parte d’Italia che ha tante emozioni da regalare.

L’evento è gratuito ed aperto a tutti!

Immersi nella Natura – Piero Migliore

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di invitarvi ad una nuova presentazione di fotografia naturalistica, una serata immersi nella natura con le fotografie di Piero Migliore. Passeggiare nella natura ed amarla, porta all’osservazione di tutte le sue piccole sfaccettature, se poi sei un fotografo racconti il tuo stupore e le tue emozioni con le immagini, non posti esotici ma il bosco vicino a casa o la passeggiata in montagna sono di ispirazione alle foto di Piero.

L’evento è aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!

Alla Scoperta dell’Australia – Laura Rebora e Paolo Alberelli

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di invitarvi ad una nuova presentazione di fotografie di viaggio, a cura di Laura Rebora e Paolo Alberelli.
I nostri ospiti ci racconteranno la loro fantastica esperienza attraverso i territori Australiani.
Ecco come Laura e Paolo descrivono il loro viaggio:
Il nostro viaggio si è svolto da Brisbane a Cairns lungo la costa est, da Ayers Rock a Alice Springs nel Red Centre, e da Adelaide a Melbourne lungo la costa sud. I trasferimenti tra le 3 zone li abbiamo fatti in aereo. Una delle cose che ci ha colpiti maggiormente è la grande varietà di ambienti che si incontrano: siamo passati dalle piacevoli coste che si affacciano sulla grande barriera corallina, al caldo torrido e al deserto del Red Centre, poi al vento pungente e agli acquazzoni della costa sud, dove ci siamo anche immersi nella incredibile foresta pluviale. Non sono poi mancati innumerevoli incontri con animali simpatici e bizzarri.
L’evento è aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!

India: Orissa Tribale – Adriano Carrer

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di invitarvi ad una nuova presentazione di fotografie di viaggio, a cura di Adriano Carrer.
Il nostro ospite ci racconterà la sua fantastica esperienza attraverso i territori settentrionali dell’India.

Ecco una breve descrizione del viaggio:

Il viaggio è consistito nella visita dello Stato dell’Orissa che si trova nella parte Nord Orientale dell’India e si affaccia sul Golfo del Bengala. In questo Stato, nella zona Sud Occidentale, vive il maggior numero di Etnie Tribali dell’India: sono in totale più di 60.
Si possono visitare alcuni villaggi, pochi in verità, e si possono incontrare alcune delle Etnie nei vari mercati facendo comunque sempre attenzione nel fare le foto.
Oltre alle Etnie l’Orissa ha altre mete di grande interesse: Il Tempio del Dio Sole di Konark, Puri, città Sacra con il Tempio di Jagannath, il Lago Chilika il più grande lago salmastro dell’Asia con molte specie di uccelli migratori e la capitale Bhubaneshwar nota come città dei Templi.
Il viaggio si è completato nello Stato dell’Assam per visitare il Parco di Kaziranga dove vive il rinoceronte indiano unicorno.

Ecco una breve biografia del nostro ospite:

Mi chiamo Adriano Carrer ed ho 70 anni. La mia passione per la fotografia è cominciata nel lontano 1968.
Ho iniziato con il Bianco e Nero che considero il massimo dell’espressione fotografica. Ho partecipato a numerosi Concorsi Fotografici ed ho avuto la soddisfazione di vincerne alcuni.
Per me la fotografia è la capacità di saper cogliere ed interpretare  i momenti e le situazioni che si presentano intorno a te.
Amo in particolare fotografare le persone nei loro momenti di vita e gli ambienti che li circondano.
Dal 2003 al 2007 ho vissuto in Turchia che mi è stata di grande ispirazione fotografica e oggi ho la fortuna di poter viaggiare per il Mondo e così continuare a cogliere gli “scatti” che più mi soddisfano.
Penso che per fare delle buone fotografie serva “l’occhio”; la tecnica è necessaria, ma da sola non basta.

L’evento è aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!

L’Audiovisivo – Guido Forino

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di presentarvi un nuovo evento a cura di Guido Forino. Il tema della serata sarà l’Audiovisivo, proiezione di immagini accompagnate da musica. Il nostro ospite ci spiegherà le principali caratteristiche di questo strumento di comunicazione e ci darà alcuni spunti su come creare un Audiovisivo accattivante ed in grado di attirare l’attenzione del pubblico.

Ecco una breve biografia del nostro ospite:

Nato a Torino nel 1951, è attualmente residente nel comune limitrofo di Collegno. Nel 1970, all’età di 19 anni, compra una Reflex Yashica TL Electro X e inizia a scoprire la gioia di fotografare. Ma è soprattutto dopo il matrimonio, a 24 anni, che il suo percorso fotografico assume una svolta definitiva.
Grazie infatti alla sua grande passione per i viaggi, condivisa con la moglie, inizia a percorrere le strade dell’Europa, del nord Africa, del Nord e Sudamerica e dell’estremo Oriente sino a raggiungere le lontane terre dell’Australia. Un viaggio fra le immagini del mondo, che anno dopo anno lo portano sempre più alla ricerca di nuovi paesi, permettendogli di esprimere soprattutto la sua fotografia di reportage.
Nel 2000 entra a far parte del DIAF ed inizia a progettare i primi Audiovisivi, realizzando uno dei suoi sogni nel cassetto. Attualmente è socio del Circolo Fotografico Dipendenti Comunali di Torino, dove si impegna per la divulgazione di questa affascinante arte fotografica.

L’evento è aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!

 

Dalle Cascate Vittoria a Città del Capo – Paolo Alberelli

 

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di invitarvi ad una nuova presentazione di fotografie di viaggio, a cura di Paolo Alberelli.
Il nostro ospite ci racconterà la sua fantastica esperienza attraverso la parte meridionale del continente africano. Dalle Cascate Vittoria a Città del Capo. Il fotoracconto di un viaggio attraverso Botswana, Namibia e Sudafrica, dalla savana al deserto all’oceano, alla scoperta degli animali selvaggi.

 

L’evento è aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!

 

 

 

 

Guatemala: la Cultura Maya

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di invitarvi all’evento “Guatemala: la Cultura Maya” presentato da Nicola Dentico.
Un appassionante viaggio alla scoperta della nazione centroamericana, culla della civiltà Maya.

l’evento è gratuito ed aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!
Ecco come Nicola ci anticipa il racconto della sua esperienza:

Il Guatemala è il paese della meraviglia e della contraddizione. Città incastonate nella bellezza della natura, criminalità e persone dal cuore immenso, abusi ecologici e simbiosi con il territorio, elite al potere filo-statunitense e tradizione popolare, cristianesimo e cultura precolombiana.
Il Guatemala è la patria principale della popolazione Maya – gruppo indigeno che solo in questo paese conta più di 20 etnie differenti e quattro milioni di appartenenti, diffuso anche in Messico, Honduras, El Salvador e Belize – che ha conservato la memoria storica e la consapevolezza di sé tramite la Cosmovisione.
Cosmovisione, con questa parola gli anziani hanno deciso di adottare per descrivere i modi di vita ancestrali, è la colonna vertebrale dell’identità Maya.
In questo viaggio fotografico ci spingeremo nelle profondità del tempo e delle selve che conservano il segreto degli albori della civiltà, attraverseremo i luoghi del mestizaje laddove i templi dei nahuales divennero chiese, potremo ammirare le pitture murarie che anche al giorno d’oggi tessono la memoria del conflitto armato interno che ha imperversato nel Paese dagli anni ‘60 ai ‘90. Conosceremo i volti dei contadores de tiempo, coloro che “fanno bere il proprio cuore”, e ci guideranno nelle usanze e nella cosmologia indigena; nella Cosmovisione che collega l’intuizione umana con tutto ciò che esiste nell’Universo, e vedremo come questo tipo di attitudine alla vita ha permesso alla popolazione Maya di sopravvivere alle dure sfide iniziate ai tempi della conquista.

Ecco una breve biografia del nostro ospite:

Nicola Dentico nasce a Bari nel 1988. Laureato presso la facoltà di Scienze della Formazione di Torino.
Al termine degli studi decide di partire per il Guatemala, dove viene “adottato” da un clan di curanderas di cui diventa assistente e allievo.
Per conto di The Labyrinth, organizzazione di turismo etico ed ecologico in Guatemala e Messico, lavora come mediatore culturale e conduce viaggi dal proposito sociale a contatto con le popolazioni native.
Nel 2017 crea il sito “Il Giardino del Curandero”, che ha come obiettivo principale ricercare e condividere le pratiche della herbolaria tradicional. Sull’onda del progetto pubblica il libro “Nel Giardino delle Curanderas” con Anima Edizioni nel 2018.

Fotografare le Stelle

Il Fotoclub Chivasso è lieto di invitarvi all’evento “Fotografare le Stelle” presentato da Gabriele Rosso.
Tecniche, consigli e curiosità su un genere fotografico che dà grandi soddisfazioni e ci permette di apprezzare la meraviglia della nostra volta celeste.
La serata sarà incentrata sull’astrofotografia a grande campo, volta a fotografare il paesaggio e le stelle che lo sovrastano.
Si parlerà sia della fase di scatto che delle tecniche di post-produzione.

L’evento è gratuito ed aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!

Gabriele Rosso

Dalle prime esperienze con una macchina usa e getta, alle migliaia di foto subacquee scattate in vacanza, ha iniziato a crescere in me la passione per la fotografia.
Durante l’estate 2015 ho avuto modo di provare la reflex di un amico, sperimentando alcuni scatti di astrofotografia. Poco dopo abbiamo iniziato a creare un piccolo gruppo di appassionati grazie ai quali ho imparato a muovere i primi passi in questo “mondo nuovo”. Dopo numerosi incontri abbiamo deciso di condividere la nostra passione e fondare il Fotoclub Chivasso nel quale svolgo il compito di tesoriere. Al momento sono studente in Automotive Engineering presso il Politecnico di Torino, e fotoamatore nel tempo libero.

Sono affascinato da tutti i generi che hanno una tecnica molto studiata e che restituiscono risultati sensazionali, con una leggera predilezione per la paesaggistica.

Workshop Fotografico su Photoshop – Leonardo Recchia

Il Fotoclub Chivasso “La Tola” ha il piacere di invitarvi al Workshop Fotografico Gratuito presentato da Leonardo Recchia.
Leo ci illustrerà parte del suo flusso di lavoro, attraverso l’utilizzo del più diffuso e potente strumento di post-produzione: Adobe Photoshop.

L’evento è gratuito ed aperto a tutti, vi aspettiamo numerosi!

Per qualsiasi info scriveteci nei commenti qui sotto oppure telefonate a 348-0373711

Leonardo Recchia

Leonardo Recchia | Urban ExplorerLeonardo Recchia, 43 anni, sposato, due figli, e una grandissima passione per la fotografia. Non mi definisco un fotografo, sono e resterò un fotoamatore. Molti lo ritengono sinonimo di fotografia dilettantistica, mentre a mio parere rappresenta l’essenza del vero rapporto con essa: fotoamatore, ossia “Amare la fotografia”.

Sono un autodidatta, ma il modo di fotografare che ho acquisito ha assunto un carattere interpretativo personale e distintivo, privo di influenze esterne e fuori dagli schemi. Dapprima ho metabolizzato le regole che sono alla base della fotografia, dopodiché ho imparato ad infrangerle. Il mio genere fotografico di riferimento è l’Urbex, abbreviazione inglese di Urban Explorer, ovvero Esplorazione Urbana. Ricerco ed esploro, appunto, luoghi abbandonati, come antiche ville, ospedali, chiese, cascinali e fabbriche. I miei lavori costituiscono un tentativo di restituire bellezza e dignità all’abbandono. Nutro grande rispetto per i luoghi che visito. Sono incuriosito dalle storie, dalle leggende e dagli aneddoti di cui sono pregni.

Un tratto caratteristico che privilegio è l’esaltazione delle ombre, poste in forte contrasto alle luci. La traduzione dal greco di “Fotografia” è “Disegnare con la luce”. Amo pensare che, al contrario, io uso la luce per disegnare le ombre. Per ottenere questo tipo di risultati, ben visibile nelle mie fotografie, ho dovuto sviluppare tecniche di esposizione diverse dai canoni previsti dalla fotografia classica.

Alcune mie immagini sono state usate come copertine di romanzi, cd di un gruppo rock russo e collaborazioni fotografiche di documentari artistici. La più grande soddisfazione è stata quella di vedere un mio scatto, una mia visione e creazione, appeso in casa di un estraneo. La mia foto più bella? E’ quella che devo ancora scattare!

Copyright © Leonardo Recchia

Camera oscura – Marino Olivieri

Il Fotoclub Chivasso ha il piacere di invitavi per una nuova serata tematica con un ospite che ci riporterà per una sera nell’affascinante mondo della fotografia analogica ed in particolare in camera oscura. Si tratta di Marino Olivieri che, nelle due ore di martedi sera, partendo da una breve introduzione sul tema luce, ci porterà a capire cosa si nasconde dietro lo sviluppo di una fotografia a pellicola attraverso nozioni teoriche e ben due prove pratiche:

  • Una sessione di sviluppo di un negativo
  • Una sessione di stampa di un bianco e nero su carta chinmica

Verrà trattato anche il tema del negativo digitale e delle sue possibilità creative

PROGRAMMA DELLA SERATA DI CAMERA OSCURA

Ecco il programma della serata:

  • Breve introduzione alla luce
  • Camera, pellicola, ingranditore, stampa
  • LO SVILUPPO DEL NEGATIVO IN CASA
    • La chimica necessaria
    • La tank
    • SESSIONE PRATICA DI SVILUPPO DI UN NEGATIVO
  • LA STAMPA DEL NEGATIVO IN CASA
    • Come attrezzare una camera oscura
    • La chimica necessaria
    • La luce rossa e l’ingranditore
    • SESSIONE PRATICA DI STAMPA B/N su CARTA CHIMICA
  • Negativo digitale e sue possibilità creative

Ricordiamo che la partecipazione alla serata è gratuita.

MARINO OLIVIERI

Camera Oscura - Marino OlivieriMarino Olivieri, 50 anni, editore, appassionato di fotografia grande formato ed antiche tecniche, costruisce da se alcuni degli apparati fotografici che utilizza. Ha studiato elettronica e si è occupato per anni di tecnologia, il suo percorso fotografico procede al rovescio, preferendo ogni volta la magia della formazione dell’immagine sulla carta nel bagno di sviluppo alla stampa digitale.